America: l’Ovest e i Grandi Parchi

 

Che lo si voglia ammettere o meno, siamo tutti affascinati dalla cultura americana.
Tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo sognato di visitare quel grande paese che sono gli Stati Uniti. Paese delle grandi città, così caotiche e diverse dalle nostre. Paese dalle mille culture, ormai unitesi tra loro. Paese dove i sogni si realizzano.

Uno dei viaggi forse più gettonati, che ti permette di assaggiare un po’ di quella cultura che tanto ci affascina, è il tour dei Grandi Parchi dell’ovest, dove si ha modo di visitare alcune delle grandi città Americane, come San Francisco e Las Vegas, e dove ci si può immergere nella sconfinata natura americana. Questo viaggio offre la possibilità di imbarcarsi in un viaggio on the road, quasi da film.

La ventosa San Francisco vi offrirà un panorama mozzafiato con il suo Golden Gate, spesso immerso nella nebbia anche in piena estate. Con il suo Pier, con negozietti tipici, e i leoni marini che dormono fra le barche del porticciolo. Se siete al Pier per l’ora di pranzo o cena, vi consiglio di concedervi un pranzo o una cena al “Bubba Gump Shrimp Co”, una catena di ristoranti specializzati in pesce e frutti di mare, principalmente in gamberi, ispirati al film Forrest Gump.
Se volete godervi un esperienza unica e da film, concedetevi una visita, fra le anguste celle che hanno ospitato i più violenti criminali della storia, nel carcere di massima sicurezza di Alcatraz, situato sull’isoletta nel cuore della baia. Ma c’è un lato negativo, se non prenotate con largo anticipo, si parla di mesi, non riuscirete a visitarla. Parlo per esperienza personale, di tre volte che sono stata a San Francisco non sono mai riuscita a visitarlo.

Lasciatevi rapire dall’immensità dei parchi, come il Grand Canyon o la Monument Valley. Se non avete paura dell’altezza potete camminare “sospesi” sul Canyon sulla “Skywalk”, una passerella sopraelevata a ferro di cavallo con pavimentazione di vetro sul Grand Canyon. Concedetevi una passeggiata nel fiume nello Zion Park o lasciatevi ammaliare dalla bellezza dell’Antelope Canyon con le sue gole scavate tra la pietra, dove la luce gioca tra le insenature regalandovi delle foto da cartolina.

Nel tragitto verso Las Vegas godetevi il paesaggio quasi desertico, passando nella Valle Della Morte (Death Valley). La valle si trova sotto il livello del mare rendendola in questo modo una sorta di “fornace”. Pensate 100 anni fa si registrò il record, nel 17 luglio 1913, quando il termometro toccò i 56.7° C.
Ricordo ancora quando la attraversammo in macchina, incantati dal termometro sul cruscotto che continuava a salire, arrivando a toccare i 49°.

E infine lasciatevi rapire da Las Vegas e le sue stranezze. Alberghi che ricreano i luoghi europei più famosi, fate una visita al Venice e ai suoi canali tipici di Venezia, ricreati all’interno dell’albergo, o lasciatevi stupire dal Caesar Palace, inspirato all’antica Roma, con tanto di Gladiatori. Potete fare una capatina a Parigi, passando dal Paris, o perché no in Egitto, visitando il Luxor Hotel, fatto ad antica piramide. E vi consiglio assolutamente di non perdervi lo spettacolo offerto dalle fontane del Bellagio.
Ma cosa fondamentale non dimenticatevi il detto: “Ciò che succede a Las Vegas, rimane a Las Vegas”.
Cerca il viaggio adatto a te sul nostro sito, consultando “I nostri viaggi“, oppure passa in agenzia per qualsiasi informazione, vi aspettiamo!

Annunci

Grecia: meta ideale per le vacanze estive

Avete già iniziato a pensare alla meta per la vostra prossima vacanza estiva?
Siete stanchi dell’inverno, delle giornate grigie e della pioggia? Seduti alla scrivania vi immaginate baciati dal sole, con i piedi immersi nella sabbia e magari con qualcosa da bere in mano e con il mare che aspetta solo voi?
La Grecia può offrirvi tutto questo e molto altro, meta perfetta per una vacanza estiva con il suo mare cristallino e le innumerevoli isole che possono offrire più di un’opzione tra cui scegliere.

Ricordo la mia tappa a Rodi, in una giornata calda di agosto, le sue spiagge e il suo mare così azzurro da confondersi con il cielo. Scesi la mattina dal piccolo veliero, la giornata sull’isola ci offrì tanto mare e indimenticabili passeggiate fra le viuzze tipiche della città con i profumi tipici mediterranei e le mille bancarelle di souvenir.
Ricordo ancora la cena nel tipico ristorante greco, guardavo il tramonto dalla bellissima terrazza e mi godevo la calda serata estiva sorseggiando un fresco bicchiere di Ouzo, tipico distillato greco servito diluito con acqua e ghiaccio.

La Grecia offre un’ampia offerta di villaggi turistici, adatti a famiglie con bambini, o isole più adatte alla vita notturna e giovanile. Con la sua storia millenaria la Grecia offre molti siti archeologici da esplorare, se non volete fare esclusivamente una vita da mare.
Le tipiche casette bianche con i tetti azzurri vi circonderanno, lasciatevi prendere alla gola dai tipici piatti greci: come lo Tzatziki (una cremosa insalata di cetrioli, yogurt e aglio, che viene mangiata sia da solo come antipasto sia abbinato ad altre portate), la Mussaka (realizzata con strati alternati di melanzane fritte e ragù, spolverati con formaggio grattugiato, il tutto ricoperto da un abbondante strato di besciamella) o come lo Souvlaki (carne e verdure grigliate che possono essere servite sia come spiedini o come panino nella tipica Pita, accompagnati da salse). Piatti che si abbinano perfettamente alle tipiche birre greche.

Puoi cercare il viaggio su misura per te sul nostro sito, servendoti della pagina dedicata alle offerte o facendoci visita in agenzia.

Meraviglioso Perù

Machu Picchu       Harvesting in Cordiliera Negra, Peru, South America

In tanti mi parlavano di questo meraviglioso Perù, dei suoi paesaggi infiniti, della sua storia antica, della sua gente con le sue tradizioni. Ogni volta non riuscivo a prendere una decisione, rimandavo sempre. Ho deciso, parto.

2 mesi dopo mi trovo a Lima.

Atterrata è quasi sera, non riesco bene a capire il tempo, ma l’aria è calda, accogliente…non vedo l’ora di partire con l’avventura domani!

Paracas e Isole Ballestas
Si viaggio verso Paracas percorrendo la Panamericana Sud. Un itinerario che costeggia la costa peruviana, il sole che illumina l’Oceano, gli occhi che si perdono e viaggiano.

Prima  tappa alla Riserva Naturale di Paracas. Rimango stupita da questo meraviglioso spettacolo…
Ma l’emozione non finisce qui, eccomi già imbarcata per le Isole Ballestas. Il tempo non è dei migliori, ma fortunatamente il mare è abbastanza calmo…Sono pronta per avvistare questi curiosi animali: leoni marini, pinguini, otarie, pulcinelle marine e pellicani. Un’escursione a dir poco curiosa e indimenticabile!

Non mi sento molto bene. La guida mi consiglia di masticare la foglia di coca, antica tradizione del Perù usata come medicinale. Beh, devo dire che su di me ha fatto un buon effetto, la nausea post escursione sembra sia passata!

Linee Nasca e Arequipa
Prossima tappa: le Linee Nasca…sono così emozionata! La vista dall’alto è qualcosa di indescrivibile, un momento che non scorderò mai. Queste linee hanno una storia così misteriosa che le rendono molto affascinanti.
Partiamo poi per Arequipa, la città bianca, chiamata così dal colore della pietra con la quale sono costruiti gli edifici della città del suo centro storico.
Il pomeriggio libero lo dedico alla visita del museo delle Mummie o Santuario andino, dove è esposta la mummia Juanita: nota come Venera Congelata, sembra che il corpo risalga ad una bambina sui 13 anni che venne sacrificata agli Dei per placarli…

Chivay e Lago Titicaca
Da Arequipa a Chivay l’altitudine si fa sentire: beh, alla fine siamo a ben 3635 m slm. Qua si chiama “Sorochi”, il mal d’altura.
Nelle vicinanze visitiamo il Colca Canyon: è magnifico e surreale, ci si sente pienamente immersi nella natura. La vista si perde a vista d’occhio e se si è fortunati si può ammirare il Condor. Il paesaggio è veramente mozzafiato…

L’avventura continua! Navighiamo sul Lago Titicaca e visitiamo gli affascinanti villaggi galleggianti di Uros e l’Isole di Taquile.

È la volta di Cusco. La sensazione è proprio quella di trovarsi nel cuore del Perù, il tempo sembra essersi fermato alla civiltà Inca.

La cittadella di MACHU PICCHU 
Percorrendo la Valle Sacra sul trenino panoramico arriviamo finalmente al sito.
Le parole non possono descrivere pienamente la meraviglia che ti si presenta davanti. La levataccia alle 4,30 del mattino ne è valsa veramente la pena. Ci sono nubi sopra la cittadella, ma la guida ci raccomanda di non disperare. Poco dopo le nubi si alzano, il sole compare dietro le nuvole e lo spettacolo del Machu Picchu si presenta davanti ai nostri occhi. La scena è qualcosa di indescrivibile e l’emozione è forte.

Il rientro in Italia è vicino e come succede spesso, non si ha mai così tanta voglia di ritornare a casa dopo un viaggio che ti ha rubato il cuore. È proprio lì che rimarrà questo viaggio e questa esperienza. Ringrazio tutti quelli che mi hanno convinta di visitare questo splendido paese!

Se sei stato incuriosito pure tu, scopri i prossimi viaggi del Perù Classico in partenza a Maggio ed Agosto sul nostro sito!
–> http://primaveraviaggi.com/catalogo/viaggi/centro-e-sud-america/peru/#offerte